21/10/18 CONVIVENZA DIOCESANA PER IL XXXV ANNO DEL M.C.C. A SIRACUSA

CONVIVENZA DIOCESANA PER IL XXXV ANNO DEL  M.C.C. A SIRACUSA

Sono passati ben 35 anni da quando il cursillos e’ entrato, con l’aiuto di Dio e di tanti uomini di buona volonta’, nella diocesi di Siracusa, con la celebrazione del cursillo uomini svoltosi dal 26 al 29 ottobre del 1983. In questa ricorrenza i “cursillisti” della diocesi hanno voluto festeggiare giorno 22 c.m., presso la chiesa di San Corrado Confalonieri in Siracusa, con una convivenza gioiosa.  Una giornata all’insegna dell’amore di Cristo e dei fratelli nell’unità’ del Movimento.  Come di consueto alle 9:00 l’accoglienza e’ stata, come sempre, molto “calorosa”, e per calorosa non si intende solo, saluti e abbracci, ma anche calorie alimentari derivanti da ogni prelibatezza dolciaria .  Dopo colazione, la sorella Ninetta Cacciola, cursillista della prima ora, ha parlato del cursillo nella sua vita, dando spunto agli altri fratelli per echi e risonanze. Successivamente, la coordinatrice diocesana Sonia Lo Iacono, ha comunicato con gioia i nomi dei rettori dei prossimi cursillos (uomini e donne} che si svolgeranno rispettivamente a febbraio p.v. e a marzo p.v.: Vincenzo Spinali e Carmela Fileccia, i quali molto emozionati, evidenziavano la grande responsabilità’ che l’incarico comporti.  Alle 11:00 il gruppo ha partecipato la celebrazione eucaristica, presieduta da padre Antonio Panzica e a seguire la comunità si e’ unita in canti di gioia e di lode al Signore, creando un’atmosfera di grande amore, pace e allegria. Al termine dei canti verso le 13:00 si e’ dato spazio alla convivialita’, naturalmente in pieno stile “cursillista”, condividendo cibo e risate.  Per finire, il gruppo postcursillo, organizzatore della giornata, ha pensato bene di attuare un piano di “digestione” collettiva: il fratello Nuccio Mangiameli ha preparato dei giochi a squadre, coinvolgendo tutti i partecipanti, i quali non lesinando sforzi, hanno partecipato con spirito di fratellanza. Nella certezza che questi momenti di fraternità fortifichino il movimento e sviluppino l’amicizia in Cristo Signore, ci auguriamo di rivederci alla prossima convivenza.